Ricette letterarie: gli zuccotti di zucca di Harry Potter

Il treno è il mezzo di trasporto che preferisco. Abito accanto alla ferrovia, quindi la mia infanzia è stata scandita dal passare dei treni, al cui passaggio mi piaceva salutare. Spesso i viaggiatori rispondevano, una memorabile volta il capotreno usò addirittura la sirena.

Quando poi ho iniziato a prendere il treno con una certa frequenza, era un vecchio modello con gli interni in legno e pelle. In estate mi appiccicavo ai sedili e mi rimanevano i segni rossi sulle cosce. I finestrini erano rotti, e non c’era aria condizionata. Il capotreno teneva la porticcina aperta per combattere il caldo, e potevo guardare nella cabina di pilotaggio: tasti, leve e bottoni.

Al passare degli anni (e dei modelli), il mio entusiasmo per i treni non è mai andato scemando. Ogni giorno la stessa tratta, due ore all’andata e due al ritorno, attraverso i parchi della mia provincia. Siamo una zona un po’ periferica. Credevo che il carrello del cibo sui treni fosse un’invenzione di J. K. Rowling.

Immaginate quindi il mio stupore all’arrivo in Galles, quando il corridoio del treno viene improvvisamente bloccato dal passaggio di un omino che vende tè, caffè, caramelle e patatine. Mi sembrava un sogno. Ecco, sono certa che Harry si sia sentito proprio come me, salendo per la prima volta sul treno per Hogwarts.

Intorno alla mezza, sentirono un gran frastuono nel corridoio, e una donna sorridente, con due fossette sulle guance, aprì la porta dello scompartimento e chiese: «Desiderate qualcosa del carrello?»
Harry, che non aveva fatto colazione, balzò in piedi, ma Ron, cui si erano di nuovo arrossate le orecchie, bofonchiò che lui aveva portato dei panini. Harry uscì nel corridoio.
Con i Dursley, non aveva mai avuto soldi per i dolci, ma ora che le tasche gli rigurgitavano d’oro e d’argento, era pronto a comperarsi tutti i Mars che voleva. Ma la signora non ne aveva.
Aveva invece gelatine Tuttigusti+1, gomme Bolle Bollenti, Cioccorane, Zuccotti di Zucca, polentine, Bacchette Magiche alla Liquirizia e un’infinità di altre strane cose che Harry non aveva mai visto in vita sua. Poiché non voleva perdersene nessuna, prese un po’ di tutto, e pagò alla donnina undici falci d’argento e sette zellini di bronzo.

“Harry Potter e La Pietra Filosofale”, J. K. Rowling
Zuccotti di zucca
Zuccotti di zucca di Harry Potter

Zuccotti di zucca (Pumpkin pies)

Ingredienti per 10 zuccotti:

250 g di farina 0
8 g di lievito madre disidratato
20 g di zucchero semolato
160 ml di latte intero
40 g di burro
4 g di sale fino
400 g di zucca pulita
50 g di uva passa
1/2 mela
2 cucchiai di zucchero di canna
2 cucchiai di rum
1 uovo sbattuto
10 chiodi di papavero (per decorare)
12 metri di spago per arrosto

Per il ripieno:
Fate rinvenire l’uva passa in acqua tiepida per circa mezz’ora.
Tagliate a cubetti di circa mezzo centimetro la zucca e la mela.
In una padella antiaderente, sciogliete un cubetto di burro e unite zucca, mela e uvetta.
Lasciate rosolare per una decina di minuti, quindi unite il rum e fate svaporare.
Proseguite la cottura fino a che la zucca non sarà divenuta molto morbida; aggiungendo se necessario mezzo bicchiere d’acqua.

Per l’impasto:
Fate rinvenire il lievito con due cucchiai di latte e un cucchiaio di zucchero.
In una ciotola capiente mettete la farina setacciata e unitevi il lievito.
Aggiungete lo zucchero e il latte, versandolo a filo.
Amalgamate gli ingredienti aiutandovi con un cucchiaio di legno, poi passate a impastare con le mani fino a incordatura (ovvero fino a quando l’impasto non risulterà liscio ed elastico). Se necessario, aggiungete un po’ di farina.
Unite all’impasto il burro a pezzettini e il sale.
Impastate di nuovo fino a ottenere un panetto morbido.
Coprite l’impasto con della pellicola trasparente e lasciate lievitare in un luogo tiepido fino a raddoppio del volume: saranno necessarie circa 2-3 ore.
Trasferite l’impasto lievitato su una spianatoia infarinata, sgonfiatelo con le mani e dividetelo in dieci parti uguali (circa 50 g ciascuna).
Con ogni pezzo di impasto fate una pallina. Coprite le 10 palline con un canovaccio umido e lasciate riposare per 15 minuti.
Prendete una pallina di impasto per volta e stendetela con le mani. Al centro mettete un cucchiaio di ripieno, poi portate tutti i lembi al centro fino a nascondere il ripieno.
Prendete circa 1,20 metri di spago da arrosto e avvolgetelo intorno alla pallina di pasta, incrociandolo a creare una maglia. Il procedimento è illustrato nel video:

Legatura degli zuccotti di zucca

Disponete gli zuccotti su una teglia coperta di carta forno.
Coprite gli zuccotti con la pellicola trasparente e lasciate lievitare fino a raddoppio del volume (circa un’ora).
Spennellate gli zuccotti con l’uovo sbattuto.
Cuocete in forno ventilato a 180°C per 15-20 minuti.
Quando saranno freddi, rimuovete lo spago dagli zuccotti di zucca tagliandolo negli incroci e sfilando i pezzi dal fondo.
Inserite al centro di ogni zuccotto il picciolo, ricavandolo da chiodi garofano.

Come sempre, trovate la ricetta passo-passo nelle nostre storie in evidenza su Instagram. Se provate questa o altre ricette presenti sul blog, scattate una foto al vostro capolavoro e condividetelo su Instagram usando l’hashtag #ricetteletterarie e taggando il nostro profilo, @moedisia!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.